Perchè il movimento di body positivity non è quello che tutti credono

Il movimento di body positivity ha raggiunto ampia diffusione e risonanza mediatica negli ultimi anni. Si possono leggere sia sulle riviste cartacee che online moltissimi articoli su questo tema e ne parlano tutti i settori: salute e fitness, moda, make-up e cura della pelle, intrattenimento, ecc.

Quando si leggono contenuti sulla body positivity, probabilmente ci si crea una certa immagine su chi lo sta scrivendo ma questo potrebbe non essere corretto.

Una giornalista freelance, scrittrice ed editorialista per diverse riviste femminili online, ha recentemente descritto la sua esperienza con le società di media e il movimento body positivity.
“La positività corporea – scrive – e’ un argomento popolare in tutte le aziende di media ed è stato richiesto a tutti noi di scrivere ogni mese una certa quota di articoli con questo argomento per continuare a trasmettere il messaggio che stava sostenendo il movimento.”

C’è stato un periodo in cui la giornalista era una sostenitrice convinta del movimento di positività corporea. Ha creduto lei stessa nel messaggio condiviso e si è dedicata a questi racconti positivi sul corpo per sentirsi meglio con se’ stessa in un momento in cui aveva problemi di salute. Ha guardato con ammirazione modelli di positività del corpo notevolmente sovrappeso che indossavano con orgoglio lingerie e ha cercato di usare il loro contenuto come scusa per non perdere i 23 Kg in eccesso che aveva.

Durante questo periodo continuava a scrivere contenuti sulla positività del corpo per i media femminili. Tuttavia, alla fine è arrivata ad una conclusione che le ha fatto ripensare ai suoi legami con il movimento. Ha dovuto porsi alcune domande difficili: questo movimento riguarda davvero la salute e il benessere per tutti i tipi di donne? Le aziende si preoccupano davvero di dare potere alle donne di tutte le taglie?

“Perché ho abbandonato il movimento body positivity”

Lei stessa è stata sempre stato una persona atletica che amava stare all’aperto, allenarsi ed essere attiva in generale; ha attraversato periodi difficili, ha abusato di sostanze, ha lottato con disturbi alimentari, pertanto questo movimento inizialmente le è sembrato fantastico: non proponeva solamente modelli di fisico femminile con taglia 0. Voleva vedere donne dall’aspetto più naturale. Tuttavia…..

“Volevo vedere donne normali e sane presenti, ma non volevo glorificare l’obesità”

Più vedeva crescere il movimento sulla positività del corpo, più si rendeva conto che questo stava andando in una direzione che non condivideva. Ovviamente voleva vedere donne normali e sane presentate all’opinione pubblica piuttosto che modelli incredibilmente magri, ma sicuramente non voleva glorificare l’obesità e sostenere l’accettazione del sovrappeso patologico.

Più scriveva contenuti su salute e fitness, più imparava a conoscere il fenomeno dell’obesità in America oggi. Nel 2017-2018, il tasso di obesità era superiore al 42%. Quel numero è aumentato del 12% dal 2000. Nel 2008, il costo medico annuale dell’obesità negli Stati Uniti era di 147 miliardi di dollari e il costo medico per gli individui obesi era di 1.429 dollari superiore a quelli di peso normale.

Il CDC e molte altre organizzazioni sanitarie ricordano regolarmente che l’obesità clinica è fortemente collegata alla maggior parte delle principali cause di morte, incluse, ma non limitate a, malattie cardiache, molti tipi di cancro, ictus e diabete di tipo 2. Un fatto ancora più inquietante è che l’obesità colpisce in modo sproporzionato le comunità minoritarie. La metà dei neri americani e degli ispanici americani soffre di obesità, rispetto al 40% dei bianchi americani. Inoltre, l’obesità è un problema molto più diffuso nelle comunità a basso reddito rispetto a qualsiasi altra classe socioeconomica. Anche in Italia il quadro è preoccupante ed in evoluzione con crescente spesa sanitaria dedicata.

obesità in italia | Nutrirsi bene per restare in forma
Adulti italiani sulla bilancia, uno su due deve dimagrire - La Stampa

Alla fine la giornalista non è stata più in grado di supportare il movimento o produrre contenuti di positività corporea in buona coscienza. Non riusciva più ad incoraggiare le donne ad abbracciare l’obesità, quando la loro obesità clinica era proprio ciò che le tratteneva dal vivere una vita sana e felice. Le uniche ferite da questo messaggio sono state le nostre lettrici alle prese con la loro salute.

“Perché le società di media producono contenuti di positività per il corpo”


La risposta è abbastanza semplice: i soldi. Prima di tutto, è importante capire come queste società di media guadagnano. La loro principale fonte di entrate è la pubblicità. Le aziende acquistano annunci sui siti Web per spingere il loro marchio ed i loro prodotti all’acquisto dei lettori. E più persone visualizzano questi annunci, più soldi pagano queste aziende per gli annunci.

Inoltre, una delle principali priorità di queste società di media è rendere felici gli inserzionisti. Se agli inserzionisti non piacciono i contenuti del loro sito web, non acquisteranno annunci, quindi gli editori e gli scrittori non producono contenuti oggettivamente basati sulla verità, ma producono contenuti che si allineano perfettamente con i desideri dei loro inserzionisti.

La maggior parte di questi inserzionisti sono aziende che lanciano importanti campagne di positività del corpo per vendere determinati prodotti o attirare più clienti (si pensi a Nike, Under Armour, ecc.). Pertanto, vogliono fare pubblicità su siti web che producono molti contenuti di positività del corpo in modo che il loro messaggio sia coerente. Questo è il motivo per cui molte società di media richiedono ai loro scrittori ed editori di riempire una certa quota di contenuti di positività del corpo sul loro sito ogni mese.

C’è chi su quest’idea ha costruito il proprio successo, come Dove, che nel 2004 ha intrapreso la sua più celebre campagna con una mostra fotografica a Toronto e alcuni manifesti affissi per le vie di Germania e Regno Unito che raffiguravano “donne normali”, poi diffusi in tutto il mondo, passando per video, premiati a Cannes, che denunciavano le barbarie di un Photoshop ben più efficace di diete e bisturi, fino a fare della “real beauty” il messaggio cardine del brand. Se il movimento Body Positivity ha radici ben più datate, la trovata dei pubblicitari del marchio che hanno intuito il potenziale di quel messaggio – in grado di intercettare il sentimento del 98% delle donne, o almeno di un campione di 3200 di loro – ha portato a farne un caso mediatico.

Cosmpolitan…Body Positivity…Tess Holliday…its all so hypocritical | by Adam  Berry — The Gym Starter | Medium

Chi scrive contenuti di body positivity

La giornalista ha lavorato per diverse società di media e come freelance in molte altre. Ha visto chi produce i contenuti che la maggior parte delle donne consuma. E c’è un denominatore molto comune in ogni luogo: le persone che scrivono sulla body positivity e ti incoraggiano ad abbracciare la tua obesità piuttosto che migliorare la tua salute sono le stesse persone che fanno tutto il possibile per rimanere magri e in forma.

L’ipocrisia è una cosa deludente da testimoniare. I media mainstream sono pieni di ipocrisia. Le donne nei media che scrivono sulla positività del corpo, ti scoraggiano dal perdere peso e ti dicono che non c’è niente di sbagliato nell’essere obesi sono quelle che vanno regolarmente in palestra mangiano insalate di cavolo biologico, contano le calorie e controllano le porzioni.

Di tutti gli scrittori di body positivity che ha incontrato durante il suo periodo nei media, solo uno di loro era in sovrappeso e seguiva veramente il messaggio di positività corporea. Questi scrittori di positività corporea non praticano nemmeno ciò che predicano.

L’attuale movimento di body positivity non promuove la bellezza naturale, la salute e l’empowerment femminile è solo un nuovo meccanismo di marketing mascherato dall’ipocrisia che permea sempre di più la società moderna.

L’unica via per prevenire discriminazione, razzismo, bullismo e infelicità per il proprio aspetto è un’educazione, che parta dall’infanzia e che insegni che le diversità sono normali e sono anzi una ricchezza. Il piano, forse, andrebbe ulteriormente spostato. Body positivity dovrebbe significare volersi bene e prendersi cura di se’: salvaguardare la propria salute, al di la’ di qualche kg in piu’ o in meno, sarebbe sicuramente il corretto insegnamento da divulgare.

pa_costoobesità

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: