Il ruolo dell’intestino nell’invecchiamento cutaneo

Tra intestino e cervello esiste un canale bidirezionale di comunicazione permanentemente attivo. I segnali endocrini, neurocrini e infiammatori generati dal microbiota intestinale e dalle cellule dell’intestino influenzano il cervello. A sua volta, il cervello può influenzare la composizione e le funzioni microbiche tramite meccanismi endocrini e neurali. Sostanze come dopamina, serotonina, leptina o adiponectina sono presenti sia nel cervello che nell’intestino.

In altre parole, la qualità della vita (QoL) di un individuo e la sensazione di ricompensa / piacere sembrerebbero dipendere più dal meccanismo intrinseco dell’intestino che dalla secrezione dei neurotrasmettitori del cervello.

L’INTESTINO COME PUNTO DI PARTENZA

Nell’antichità, e in particolare dal XVII secolo, è stato osservato che i componenti della dieta hanno effetti specifici sulla salute generale e sulla qualità della pelle. Il vegetarianismo divenne un trattamento per l’obesità e la gotta che affliggevano le persone benestanti che consumavano carne in modo eccessivo. Anche il dottor George Cheynes (1671-1743), che lanciò il vegetarianismo, iniziò a considerarlo come una soluzione per rallentare la comparsa di rughe e la mancanza di luminosità della pelle. Oggi sappiamo che i componenti alimentari specifici di carne o verdure avviano la comunicazione intestino-cervello. Uno dei primi passi di questo dialogo è il reclutamento o il potenziamento preferenziale di specifici ceppi microbiotici dediti alla digestione di questi alimenti.

Per eseguire continuamente questi compiti, la stessa flora intestinale è stata definita come un “bioreattore che costituisce una barriera antinfiammatoria funzionale“. Inoltre, la produzione, da parte dei nostri enterociti, di 10 litri di muco al giorno e la presenza di un film sottile di glicocalice in cima agli enterociti, rafforzano entrambi la barriera fisica.

La rottura di questa barriera può portare all’incremento dei messaggeri infiammatori che giungeranno al cervello stimolando determinate aree cerebrali e deprimendo alcune funzioni.

CELLULE INTESTINALI E SISTEMA IMMUNITARIO

Le cellule staminali intestinali sono coinvolte nel continuo auto-rinnovamento e si differenziano nelle cellule specializzate dell’epitelio intestinale. In assenza di specifici “nutrienti” le cellule immunitarie scompaiono e la crescita epiteliale diminuisce, favorendo l’infiammazione. Le verdure crucifere (come i broccoli oi cavoletti di Bruxelles) in particolare favoriscono lo sviluppo e il mantenimento di questo meccanismo unico. Quest’ultimo controlla la selezione funzionale della qualità degli enterociti che vengono continuamente prodotti dalle cripte dei villi intestinali dell’intestino adulto.

La relazione complessa tra cibo e microbiota viene sempre maggiormente compresa ed il metabolismo batterico delle fibre alimentari influisce sull’epigenetica (le modificazioni acquisite delle cellule). Di conseguenza, il microbiota potrebbe anche indurre modificazioni epigenetiche associate all’invecchiamento? Apparentemente i processi di invecchiamento, potrebbero forse diventare evitabili se i processi di lettura del DNA potessero prendere in considerazione la qualità dell’assunzione di cibo.

INFIAMMAZIONE

Perché si può dire che l’infiammazione cronica deriva dallo stress cronico? E, secondo quanto sopra, quale potrebbe essere il benefico ruolo antinfiammatorio e antistress di stimolare il sistema del nervo vago (che controlla il nostro intestino)?

Oltre all’aiuto che possiamo cercare attraverso nutrienti appropriati selezionando ceppi vantaggiosamente strategici dei nostri batteri intestinali, il nervo vago si unisce infatti nel contribuire all’antiinfiammazione generalizzata. Essendo la struttura anatomica che collega l’intestino e il cervello tramite segnali specifici avviati (ma non solo) dall’assunzione di cibo, svolge una funzione generale di orchestrazione degli scambi in corso tra intestino e cervello.

GESTIONE DEL CERVELLO E DELLO STRESS

All’interno di tutto il nostro corpo, ogni organo, così come ogni millimetro della nostra pelle, è attrezzato per affrontare la sfida costante della vita: lo stress. Il cervello, in particolare, ha sviluppato un sistema abbastanza complesso per trattare i segnali in arrivo portati da eventi stressanti. A seguito di un impulso di stress, inizia un dialogo tra le due parti opposte del cervello, rispettivamente, nell’area della corteccia prefrontale con i suoi approcci più regolatori e orientati alla consapevolezza e il sistema limbico che ospita le componenti emotive. L’input risultante all’area mesolimbica guida quindi due azioni importanti. Il primo è ridurre al minimo l’effetto shock dello stress, attraverso la secrezione di dopamina, mirando a ristabilire motivazione e piacere. Questo influenza profondamente il comportamento, portato dalle forti emozioni di volere, desiderio, accoppiamento. Il secondo e meno noto aspetto di questa strategia compensativa, consiste nella registrazione del comportamento assunto dai gangli della base che, in caso di stress futuri, verrà immediatamente riattivato.

Inoltre, durante un evento stressante, il cervello attiva anche le ghiandole surrenali per produrre cortisolo. A causa dei potenti effetti antinfiammatori di questo ormone, le persone normalmente non si rendono nemmeno conto di essere sotto stress. La distinzione dovrebbe essere qui menzionata tra stress acuto e cronico. Lo stress acuto è reversibile.

Inoltre vi è un ruolo benefico dello stress e dell’infiammazione acuta; le importanti azioni positive dell’infiammazione acuta sono state recentemente analizzate da una prospettiva più funzionale. Il nuovo termine coniato di “transinfiammazione” si riferisce al beneficio della plasticità, consentendo una maggiore flessibilità epigenetica e malleabilità fenotipica per adattare le risposte a stress, lesioni e malattie. In questa fase, l’infiammazione è il nostro primo strumento di adattamento all’ambiente. Questo meccanismo è completamente diverso nell’infiammazione cronica.

INFIAMMAZIONE CRONICA

Ma perché l’intestino dovrebbe preoccuparsi dello stress e dell’infiammazione cronica, essendo il cervello responsabile dei meccanismi di gestione dello stress? Il legame tra cervello e intestino nella gestione dello stress e le sue conseguenze per tutto il corpo è rappresentato dal cortisolo. Infatti, i meccanismi endogeni di gestione dello stress generano un’infiammazione generalizzata. Diverse condizioni, come la gravidanza o la menopausa, proteine ​​e zuccheri alimentari, antibiotici e infezioni, tossine e allergeni alimentari e, naturalmente, stress, mettono alla prova la barriera intestinale.

Tuttavia, la disfunzione della barriera non solo compromette la funzionalità intestinale, ma anche la funzione antinfiammatoria dell’immunità mucosale. Inoltre, l’infiammazione cronica può essere esportata dall’intestino a tutto il corpo. Pertanto, perdita di memoria, ansia, rifiuto di incontrarsi in occasione di eventi sociali, pensieri ossessivi, difficoltà di concentrazione, depressione, sindrome da stanchezza cronica, insonnia, perdita di interesse e nevrosi ossessiva possono essere segni sia di infiammazione cronica che di segnali pro-infiammatori generati dall’’intestino.

COME PUO’ IL MICROBIOTA INTESTINALE RISTORARE L’EQUILIBRIO?

Come accennato in precedenza, le scelte alimentari hanno un’influenza sul grado di infiammazione intestinale selezionando i ceppi batterici benefici del nostro microbiota. Infatti, l’ingestione di fibre di cellulosa (pre-biotici), oltre che di probiotici (yogurt, formaggio), favorisce la crescita di ceppi batterici favorevoli.

I prebiotici e i pro-biotici sono stati soprannominati “psicobiota” perché la loro azione combinata ha dimostrato di invertire l’ansia e la depressione in studi su animali e umani.

Inoltre, il microbiota ha un potenziale neuroattivo che è meglio identificato all’interno di alcuni ceppi batterici. I loro livelli diminuiscono nei casi di depressione.

Pertanto la QoL sembra dipendere anche dai ceppi batterici della microflora.

In sintesi, quando il cervello è messo sotto pressione dello stress, mette in atto meccanismi di salvataggio, con strategie motivazionali essenziali (dopamina, ricompensa, comportamento compensativo) da un lato e il controllo transitorio dell’infiammazione tramite secrezione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali dall’altro. Purtroppo il circolo vizioso della ricompensa può favorire comportamenti di dipendenza e l’azione antinfiammatoria del cortisolo, inizialmente benefica, può diventare a lungo termine fatale per la funzione di barriera intestinale.

LA STIMOLAZIONE DEL NERVO VAGO MANTIENE LA QUALITÀ DELLA PELLE

Perché la connessione cervello-intestino è importante per la bellezza e l’invecchiamento della pelle? Dovremmo preoccuparci dell’infiammazione sistemica per migliorare la qualità della pelle? Dovremmo nutrirlo con ingredienti speciali? Cosa dovremmo mangiare per restare giovani? O dovremmo digiunare? È stato infatti descritto un intenso rinnovamento intestinale e cutaneo dopo il digiuno periodico. Oggi sappiamo che per migliorare la salute e la qualità della pelle possiamo compensare il desiderio di salato / dolce con integratori nutraceutici, cosmeceutici e pre-biotici specifici.

Oltre alla connessione intestino-cervello e ai suoi effetti globali sul corpo, la pelle è caratterizzata da un sistema ipotalamo-ipofisi-surrene periferico perfettamente funzionante attorno al follicolo pilifero. Questi “micro-cervelli” percepiscono lo stress, come quello indotto da infezione, essiccazione, caldo / freddo, luce UV, ozono, agenti tossici, stiramento, danni meccanici, radicali liberi, allergeni e umidità alta / bassa. Inoltre, lo stress psicologico è in grado di fermare la proliferazione dei melanociti, accelerando nel contempo quella dei cheratinociti. Allo stesso modo, le molecole di profumo sono in grado di indurre potenti attività di riparazione, attivando il pool di cellule progenitrici attorno alle ghiandole sebacee intessute all’interno della struttura del follicolo pilifero.

Poiché l’asse intestino-cervello è la principale fonte di infiammazione sistemica, compromettendo le strategie antinfiammatorie guidate dal microbiota, l’unico sistema antinfiammatorio e riparatore che rimane disponibile per il ripristino della salute e della bellezza della pelle è l’attivazione del sistema del nervo vago. La stimolazione del nervo vago, consegue ad azioni piuttosto banali, come concedersi un alimento che ci piace o ricevere un tocco affettuoso sulla pelle da un amico. La costruzione di legami sociali, la visione di un’immagine piacevole, la respirazione controllata coerente con la frequenza cardiaca o persino l’ascolto di suoni rilassanti inducono potentemente l’attività vagale. Queste attività, riassumibili con il termine di “piaceri”, attivano il sistema vagale, inducono rilassamento e riparazione, accompagnate da una diminuzione di tutti i marker biochimici dell’infiammazione.

In sintesi, la connessione intestino-cervello influenza la qualità della pelle attraverso tre meccanismi interconnessi:

Lo stress può destabilizzare la funzione di barriera intestinale, esportando così la reazione infiammatoria a tutto il corpo

L’infiammazione cronica alimenta l’invecchiamento

La nutrizione può diventare un potente induttore di modificazioni epigenetiche

La connessione intestino-cervello può anche migliorare la qualità della pelle quando si prendono in considerazione soluzioni con sostanze naturali atte a ripristinare la barriera intestinale ed il trattamento dell’infiammazione cronica sistemica.